appuntamenti e notizie

 

Lo Stretto e le sua città sono lo spazio in cui s’incrociano la ricerca di una casa editrice che interroga e legge la complessità del Mediterraneo, e l’esperienza umana e letteraria di uno scrittore, Eugenio Vitarelli, che di questo mare, anzi di questi mari, di questi luoghi, vissuti e sognati, è stato appassionato e lucido cantore.

A Eugenio Vitarelli e alla sua opera sono dedicati i quattro appuntamenti con i lettori che Mesogea, in occasione del ventesimo anniversario della sua fondazione, ha organizzato insieme a quattro libreria della città.

Dal 12 al 15 novembre, alle ore 18, le librerie Dedalus, Feltrinelli point, Mondadori Bookstore e Colapesce, ciascuna secondo il calendario qui riportato, ospiteranno gli incontri di lettura che compongono il breve ciclo Il canto del mare, il silenzio della città: omaggio a Eugenio Vitarelli.

Dello scrittore messinese scomparso 25 anni fa, di cui Leonardo Sciascia riconobbe talento e importanza fin dall’esordio, Mesogea, ha riproposto in questi anni la nuova edizione di tutte le opere (pubblicate tra il 1988 e il 2004 da Mondadori, Theoria e Il Girasole) raccogliendole nei tre volumi Placida, Acqualadrone, sette storie più una, Sireine e altri racconti, che nel corso degli incontri in libreria, avremo modo di ascoltare, di scoprire o ritrovare.

 

Con i primi tre libri di Cartographic - la collana dedicata alla graphic novel e diretta da Elettra StamboulisMesogea partecipa  alla 53° edizione di Lucca Comics & Games (30 ottobre / 3 novembre), la fiera che ogni anno apre le porte ad autori e appassionati della settima arte, del fantasy, dei videogiochi e dell’animazione.

Becoming human è il tema scelto per questa edizione, che già promette di ripetere il successo dello scorso anno, quando ha fatto registrare più di 800.000 visitatori. Anche nel 2019 le più autorevoli firme del fumetto internazionale si danno appuntamento a Lucca, per animare un ricchissimo programma di workshop, proiezioni, spettacoli, concerti, presentazioni di nuovi titoli, mostre, performance artistiche, concorsi, flashmob ed eventi speciali.

Cartographic sarà ospite del Centro Fumetto Andrea Pazienza, in piazza Napoleone (stand Nap324) e presenterà in anteprima Nero vita. Una storia di moderna schiavitù, graphic novel scritta e illustrata dalla fumettista polacca Daria  Bogdańska.

Opera d’ispirazione autobiografica, tradotta per la prima volta in italiano, Nero Vita racconta per parole e immagini le vicissitudini di Daria, una punk venticinquenne, al suo arrivo in Svezia e le difficoltà che deve affrontare per rimanerci. Qui, infatti, a dispetto del luogo comune del ‘paese accogliente’, dovrà destreggiarsi in un labirinto di norme e situazioni paradossali per poter ottenere i documenti che le permettano di non essere ‘illegale’ o, peggio, invisibile. Costretta al lavoro nero, non si dà per vinta e intraprende una dura lotta per il riconoscimento dei diritti sindacali più elementari. Una storia narrata con freschezza e ironia, moderna e onesta nel suo obiettivo di restituire un’immagine veritiera dell’Europa contemporanea.

Daria Bogdanska, nata nel 1988 a Varsavia, ancora molto giovane lascia la Polonia e gira l’Europa da avventuriera punk-rock. Nel 2013, a 25 anni, decide di trasferirsi a Malmö, nel sud della Svezia, per studiare disegno e narrativa. Per Nero vita (titolo originale Wage slaves), sua opera d’esordio già tradotta in più lingue, è stata selezionata al Festival Internazionale del Fumetto di Angoulême, e le è stato assegnato il  Robespierre prize 2019.

Accanto a Nero vita, Mesogea esporrà a Lucca Comics & Games 2019 i primi due titoli pubblicati in Cartographic: Trilogia di Beirut, scritto e illustrato da Barrack Rima, autore libanese per la prima volta tradotto in italiano, e Piccola Gerusalemme. Salonicco, scritto da Elettra Stamboulis e illustrato da Angelo Mennillo. Ci saranno inoltre i libri della collana Mesogea Ragazzi

 

[Cartographic vi aspetta dal 30 ottobre al 3 novembre a Lucca

 negli spazi del Centro Fumetto Andrea Pazienza

  stand Nap324]

 

Quand'è stata l'ultima volta che vi siete sentiti schiavi (di un lavoro estenuante, di una paga misera, di una camera da letto senza finestre, di una città claustrofobica)?

Sono tempi duri per i giovani che vogliono cercare il proprio posto nel mondo, persino nella moderna Europa del nord. Raccontatecelo e sceglieremo le tre storie più divertenti e rappresentative di questa nostra strana epoca.

Dopo aver partecipato all'evento più prestigioso del fumetto internazionale, il Lucca Comics & Games - concluso il 3 novembre scorso - Cartographic è pronta per portare in libreria il suo ultimo graphic novel: Nero vita. Una storia di moderna schiavitù, scritto e illustrato da Daria Bogdanska, fumettista talentuosa tradotta per la prima volta in italiano da Mesogea (qui tutte le info sul libro). 

In occasione di Lucca Comics abbiamo lanciato il contest Qual è la tua storia di moderna schiavitù, invitandovi a raccontarci le vostre personalissime disavventure lavorative, i momenti in cui vi siete sentiti semplice strumento nelle mani di un sistema più grande e complesso di voi, le circostanze in cui avete pensato che fosse arrivato il momento di reagire alle ingiustizie.In palio 3 copie di Nero vita e la spilletta celebrativa realizzata in occasione di Lucca Comics, che spediremo gratuitamente agli autori delle 3 storie più divertenti e originali. 

Del resto, anche Daria nel suo Nero vita racconta di una schiavitù fatta di pollo al curry e servizio ai tavoli, soldi che non bastano mai e lavori in nero, vertenze sindacali e discriminazioni razziali, anche nella civilissima Svezia. 

Per partecipare c'è tempo fino all'8 dicembre: potete inserire un commento al post di Facebook o mandare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Ne igiorni successivi annunceremo i 3 vincitori del contest, che riceveranno una copia del libro e una spilletta ciascuno. 

 «Meno diritti abbiamo e più entusiasmo ci serve per ottenerli»

Daria Bogdanska, La Vanguardia

***

Nero vita è una storia autentica che nel raccontare la lotta di Daria per il riconoscimento dei diritti dei lavoratori immigrati indaga l’effettiva ospitalità di una città moderna e privilegiata, con un insospettabile rovescio della medaglia.

Le tavole disegnate e scritte da Bogdanska sono piccoli microcosmi in bianco e nero - specchio della vita e delle emozioni della protagonista. - in cui personaggi, stanze, oggetti, strade affollano i quadri e contribuiscono a creare l’estetica punk di questa sua opera di esordio. Tra ricercate citazioni musicali ed esotici piatti bengalesi, il racconto fresco, giovane e genuino di una condizione drammatica e diffusa, ma anche quello dell’importanza dell’impegno personale e della necessità di lottare per il riconoscimento dei diritti.

 

 

 

 

Dopo Milano, Book Pride - la Fiera Nazionale dell'Editoria Indipendente - arriva a Genova. E Mesogea anche quest'anno sarà presente: vi aspettiamo dal 18 al 20 ottobre a Palazzo Ducale, allo stand A14, con tutto il nostro catalogo e soprattutto con le novità 2019: la poesia, con Sfrimma, la raccolta di Enzo Mancuso, Scannaciucce, i versi lucani scritti da Domenico Brancale che negli ultimi mesi hanno girato, e conquistato, l'Europa, e Tiatru, di Nino De Vita, e infine Codice siciliano, di Stefano D'Arrigo, nell'anno del centenario della nascita dell'autore; la graphic novel d'autore, con Trilogia di Beirut, scritta e illustrata dal fumettista libanese Barrack Rima, e Piccola Gerusalemme, di Elettra Stamboulis, con le illustrazioni di Angelo Mennillo, entrambe pubblicate da Mesogea nella nuovissima collana Cartographic; la narrativa, con Tra me e te il mare, di Nurith Gertz, Lo specchio vuoto, di Samir Toumi; la saggistica, con Chissà se i pesci piangono, di Danilo Dolci.

 

Un doppio appuntamento con la graphic novel d’autore: il 12 e il 13 ottobre arriva in Sicilia Barrack Rima, tra le voci più interessanti e autentiche del fumetto internazionale, tradotto per la prima volta in italiano da Mesogea per la collana Cartographic, curata da Elettra Stamboulis

Con Trilogia di Beirut – l’opera che riunisce le tre graphic novel scritte e illustrate da Rima nel 1995, nel 2015 e nel 2017 – l’autore esegue un ritratto forte e appassionato, corale e al contempo personale, della città libanese.

Sabato 12 ottobre, alle 18.30 alla Feltrinelli Point di Messina (via Ghibellina 32) Barrack Rima converserà con Michela De Domenico, architetto, fumettista, docente al liceo artistico E. Basile di Messina, e con Marco Lo Curzio, architetto e docente di grafica all’Accademia di Belle Arti di Catania. Tema dell’incontro la città, labirinto della memoria in cui si mischiano documentario e invenzione, speranze e delusioni delle generazioni che partono e di quelle che restano: terreno fertile per le contraddizioni umana, cartina di tornasole di trasformazioni sociali e storiche. A fare da interprete sarà Sabine Llewellyn.

Domenica 13 ottobre alle 18.00 al Circolo Arci “Porco Rosso” di Palermo (via Carlo Rao 16), nell’ambito della V edizione del Festival delle Letterature Migranti, Barrack Rima sarà protagonista di un incontro con Fausto Melluso, delegato Arci alle migrazioni.

In entrambi gli incontri saranno esposte in mostra le tavole originali di Trilogia di Beirut, eccezionalmente concesse dall’autore e già protagoniste della mostra Migrando, gridando, sognando. Storie di migranti nello sguardo del fumetto mediterraneo, allestita durante l’ultima edizione di Napoli Comicon, con opere di Gipi, Gianluca Costantini, Marco Rizzo e Lelio Bonaccorso.

Rima ci regalerà inoltre una sessione di firmacopie e di live drawing: imperdibile la sua raffinata e originale tecnica di disegno con pennino e inchiostro.

Barrack Rima

Nato a Tripoli, in Libano, nel 1972, Barrack Rima vive oggi a Bruxelles, dove si è formato. È autore di graphic novel e fa parte del collettivo libanese Samandal, che pubblica l’omonima rivista di fumetto. Collabora con diverse testate giornalistiche internazionali (sue le strisce su Internazionale) ed è cineasta. Con Trilogia di Beirut, Rima si conferma potente punto di riferimento nella sua generazione di autori. Ha scritto e illustrato "Le conteur du Caire" (La cafetière, 1998) e continua a lavorare a "La sieste du matin", di cui alcuni episodi sono stati pubblicati da Samandal (Libano), Turkey Comicx (Francia), World War 3 Illustrated e Irene (Usa).

Mesogea è felice di invitarvi all'appuntamento annuale con l'Horcynus Festival, organizzato a Capo Peloro dalla Fondazione Horcynus Orca, con il sostegno della Fondazione di Comunità e di REVES, la Rete europea di città e regioni per l'economia sociale, e che quest'anno per la prima volta ci vede tra i partner
Questa edizione del festival è dedicata alle metamorfosi che stanno modificando i contorni di arti, territori, economia e società e avrà come Paese ospite la Spagna.

Qui troverete il calendario degli appuntamenti che dal 21 luglio all'8 dicembre 2019 animeranno il Parco Horcynus Orca, tra performance e rappresentazioni teatrali, proiezioni cinematografiche, momenti dedicati alla letteratura, incontri con artisti e autori, reading e concerti.
In programma anche una "trasferta" a Mirabella Imbaccari (Catania) per l'Horcynus Social Festival, dal 6 all'8 agosto. 

Il primo degli appuntamenti in calendario ci riguarda molto da vicino: domenica 21 luglio alle 19.30 presenteremo Sfrimma, la raccolta di poesie di Enzo Mancuso pubblicata da Mesogea nel 2019. Con il fratello Lorenzo, Enzo Mancuso ha portato la tradizione musicale siciliana nel mondo, caricandola di nuove sperimentazioni e nuove ricerche. E con Sfrimma i testi di alcune delle loro canzoni si trasferiscono su carta, dando vita a un volume prezioso.
 


 

«La poesia di Enzo è fatta di corde vibranti, vibrazioni che viaggiano come uccelli migratori. [...] La musica dei versi è nostalgica, struggente, è fatta di ferite che sanguinano, ma lo struggersi non si chiude in se stesso. [...] Anime sperdute, anime vaganti, anime che amano e non scordano, in fuga ma sempre e comunque sulla via del ritorno.»

Prendiamo in prestito le parole della postfazione di Silvio Perrella e Saradis Thanopulos per tentare una descrizione delle emozioni che suscita la lettura di Sfrimma, la raccolta di poesie di Enzo Mancuso pubblicata da Mesogea lo scorso aprile. Raccolte e pubblicate per la prima volta, le poesie di Enzo Mancuso sono state presentate in tutta Italia e in questa estate 2019 diventano protagoniste di un piccolo tour di eventi, che le porterà a Caltanissetta e a Messina.

Sabato 13 luglio, alle 18.30, Sfrimma sarà a Caltanissetta, nell'area pedonale del Mercato Storico Strata a Foglia, in via Consultore Benintendi. Parteciperanno Elvira Essenza, Marina Castiglione, Pasquale Carlo Tornatore, Enzo e Lorenzo Mancuso. 

Domenica 21 luglio, alle 19.30, saremo a Messina, al Parco Horcynus Orca di Capo Peloro. Oltre ad Enzo e Lorenzo Mancuso, anche Massimo Barilla e Carlo Guarrera.

Le poesie di Sfrimma (scritte in dialetto siciliano e pubblicate con testo italiano a fronte) compongono un canzoniere moderno dalle risonanze antiche, un canzoniere del tempo. E del resto Enzo e Lorenzo Mancuso fanno della musica il loro pane quotidiano. 

Nati a Sutera, in provincia di Caltanissetta, fin dagli anni '70 hanno condotto una ricerca sul patrimonio musicale della loro terra, trasferendolo in una presenza costante nei festival e nei teatri di tutta Europa, del Sud America, dell'Asia. Oggi i Fratelli Mancuso, grazie allo studio della tradizione e alla sua rielaborazione moderna, sono considerati a livello mondiale icone culturali della Sicilia. Tanti gli album incisi, tante le collaborazioni con il teatro, il cinema e anche la televisione. Una ricerca costante portata avanti sul terreno delle sonorità naturali, che si trasferisce anche nei testi dei loro brani. Testi densi di paesaggio, odori, visioni realistiche e al contempo oniriche. Alcuni di questi testi oggi sono riuniti in Sfrimma. «Suoni che diventano parole e scavano rughe nel tempo».

 
Il Piantastorie - Letture Botaniche continua…
 
Lo scorso 14 giugno, passeggiando dentro l’ Orto Botanico di Messina, abbiamo letto insieme (ed eravamo tanti) storie di piante e di fiori, storie  di orti e giardini  come ‘forma’ e ‘luogo' della letteratura, della fantasia, della vita stessa. 
Quante cose hanno in comune l’universo botanico e la letteratura? Tante, certo molte più di quelle che abbiamo esplorato insieme durante Il piantastorie.
Adesso tocca a voi: piante, fiori, giardini a quali  libri vi fanno pensare?  Quale storia vi fanno tornare in mente?
 
In collaborazione con l'Orto Botanico Pietro Castelli di Messina, vi invitiamo a comunicarci i vostri suggerimenti di lettura, inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.con il titolo e l'autore del libro: componiamo insieme la Biblioteca del Piantastorie. Prepariamo il prossimo incontro e le prossime letture!
 
 
 
 
 
 
 

 

Alla sempre viva fratellanza tra piante e libri, tra arte del racconto e passione per il mondo vegetale sarà dedicato, venerdì 14 giugno 2019 a partire dalle ore 17.30Il Piantastorie, un pomeriggio di letture botaniche organizzato dalla casa editrice Mesogea, con la preziosa collaborazione dell'Orto Botanico Pietro Castelli dell'Università degli Studi di Messina, in piazza XX Settembre, che ospiterà l’incontro.

L'evento, che si inserisce nel calendario di appuntamenti organizzati per festeggiare il ventennale di Mesogea, è rivolto ad adulti e bambini, con letture a tema botanico tratte da storie per ragazzi e narrativa italiana e straniera: da Il Giardino Segreto di Francis Hogson Burnet ad Abbracciare gli alberi di Giuseppe Barbera, per esplorare i tanti e straordinari modi in cui la letteratura s’intreccia con la natura. 

Un orto botanico è una magica biblioteca all’aria aperta, con le piante al posto dei libri, ma non solo...: i nomi, le lingue, le storie che contiene sono tantissimi, e nel suo spazio è possibile ritrovare ogni paese del mondo e, insieme al nostro tempo, il tempo delle epoche che ci hanno preceduto e i semi di quelle che seguiranno. Proprio come in una biblioteca.

L'Orto Botanico Pietro Castelli, con la direzione di Rosella Picone, rappresenta per la città un'autentica oasi di grande valore storico. Il suo patrimonio contiene piante autoctone ed esotiche, in particolare di origine tropicale e subtropicale, introdotte fin dalla fondazione, nel 1838, e nei secoli successivi. Da oltre un decennio l'Orto Botanico si occupa di conservazione della biodiversità, riproducendo e coltivando specie autoctone a rischio di estinzione. Tante le attività didattiche e le manifestazioni organizzate in ogni stagione per invitare i cittadini a godere di questo spazio fuori dal tempo. 

Ingresso libero.

Tra gli appuntamenti letterari più attesi in Italia, dal 6 al 9 giugno si svolgerà la decima edizione di Una marina di libri, il festival che ogni anno porta a Palermo (quest'anno la location sarà l'Orto Botanico) il meglio dell'editoria indipendente. Anche nel 2019 Mesogea sarà presente con il suo stand, per farvi conoscere da vicino le nostre due nuove collane - Mesogea Ragazzi e Cartographic - e gli ultimi volumi pubblicati. 

Due gli eventi Mesogea in programma per questa nuova edizione del festival, entrambi venerdì 7 giugno: alle 16.00 presentazione di Operazione Scacciafrottole. La compagnia segreta di via Pomelia, l'ultimo romanzo di Mesogea Ragazzi, scritto da Laura Venuti e illustrato da Olga Gurgone. Il libro è stato presentato anche all'ultima edizione del Bologna Children's Book Fair. A incontrare il pubblico saranno Caterina Pastura, di Mesogea, e Olga Gurgone. 

Poco dopo, alle 17.00, presenteremo Chissà se i pesci piangono. Documentazione di un'esperienza educativa, di Danilo Dolci. Con noi anche Amico Dolci, che del libro ha curato la prefazione e che sulle orme del padre Danilo continua un'intensa attività di ricerca educativa e di sperimentazione. Chissà se i pesci piangono, infatti, è la testimonianza di un'esperienza educativa nata per «dare vita a centri educativi intimamente correlati al lavoro per lo sviluppo dell’ambiente».

I due appuntamenti palermitani fanno parte del calendario di  

Una marina di libri è organizzata dal Consorzio Centro Commerciale Naturale Piazza Marina&Dintorni, Navarra Editore e Sellerio, in collaborazione con la Libreria Dudi. Alla scorsa edizione hanno partecipato più di trentamila visitatori e novantasette case editrici indipendenti da tutta Italia, con più di trecento iniziative che hanno coinvolto lettori di tutte le età.

 

Una passeggiata narrativa tra le opere del Museo Regionale di Messina e poi un seminario per parlare del rapporto tra arte, libri e ragazzi. Mercoledì 22 maggio abbiamo accolto con gioia Marco Dallari, protagonista del primo di una serie di incontri con cui Mesogea intende esplorare il mondo dell'editoria per ragazzi.

Dallari, pedagogista, docente universitario, autore ed esperto di arte e di editoria per bambini, ha toccato alcuni punti fondamentali nell'analisi dell'apprendimento da parte dei bambini e dello sviluppo del pensiero creativo. L'apprendimento e la comprensione del mondo, infatti, derivano da suggestioni indirette, che a loro volta nascono dalle libere associazioni di idee attivate dal pensiero analogico. Arte e narrazione, dunque, attivano processi fondamentali nella costruzione di sé e della consapevolezza del proprio posto nel mondo. 

«Ciò che può essere interpretato» ha detto Dallari «insegna che non esiste una sola verità. Insegna a non fidarsi delle apparenze».

Grande importanza al ruolo delle metafore, che hanno sempre bisogno di immagini per potersi costruire e dotare di senso. E l'elaborazione simbolica per i bambini passa per l'esperienza del gioco: rappresentando qualcosa che non c'è, i bambini mettono in atto meccanismi di costruzione di mondi. Un passo prima dell'opera d'arte. 

Dallari ha concluso il suo intervento parlando di narrazione: donare una narrazione ai bambini, leggendo o raccontando loro una storia, significa continuare le pratiche di cura e consegnare conoscenza. «La narrazione connette chi la condivide. Il pensiero narrativo è fondamentale per la costruzione della propria autobiografia».

Qui trovate le slide proiettate da Marco Dallari all'incontro, con i riferimenti ai filosofi e agli studiosi che hanno affrontato il tema dell'apprendimento e della crescita, lasciando un segno nella pedagogia moderna.

 

clicca sull'immagine per visualizzare o scaricare il PDF

 

In occasione del ventennale dalla sua fondazione, la casa editrice Mesogea organizza, il prossimo 22 maggio, un incontro dedicato al rapporto tra arte, ragazzi e libri con un ospite d’eccezione, il prof. Marco Dallari, docente ordinario di Pedagogia e tra i maggiori esperti di editoria d’arte per ragazzi. 

L’incontro, che si svolgerà nelle sale del Museo regionale di Messina, si articolerà in due momenti:

 - il primo, alle ore 16.00, dal titolo L’arte è una storia da ragazzi, nel corso del quale un gruppo di ragazzi (e i loro accompagnatori) prenderanno parte a una passeggiata narrativa tra le opere del museo in compagnia di Marco Dallari, della  direttrice del Museo, Caterina Di Giacomo, e dell’artista Gianfranco Anastasio.

- il secondo, subito dopo, alle ore 17.30, dal titolo Sapere è una storia da ragazzi, con gli interventi di Marco Dallari, Caterina Di Giacomo, Caterina Pastura è rivolto anche agli adulti, a docenti, genitori, bibliotecari, librai, esperti del settore, e sarà incentrato sul tema della lettura e delle pubblicazioni dedicate ai giovanissimi a partire dall’esperienza della casa editrice Artebambini (di cui Marco Dallari è uno dei curatori) e della collana Mesogea Ragazzi, che ha esordito nel 2013 nel catalogo della casa editrice Mesogea. 

Questo speciale doppio appuntamento - ospitato dal Museo di Messina  e progettato tra le attività di Sabirfest off per il 2019 in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Elio Vittorini - nasce come occasione di incontro e confronto su un settore, l’editoria per bambini e ragazzi, che se da un lato manifesta segnali incoraggianti di crescita, dall’altro mostra come sia sempre più necessario dedicare attenzione e impegno costante  alla educazione alla lettura e alla  promozione di buone pratiche di crescita culturale, per “prendersi cura”  dei giovani lettori e, insieme a loro, del nostro futuro.

L’incontro con Marco Dallari al museo è anche un’occasione formativa per chi lavora a stretto contatto con i giovani, sia all’interno delle aule scolastiche che in altri contesti  sociali. E sarà la prima tappa di un percorso che si snoderà fino alla fine dell’anno a Messina, ideato da Mesogea con l’obiettivo di esplorare la costellazione dell’editoria per ragazzi come spazio di crescita individuale e collettiva.

 ✓ L’ingresso al Museo per i ragazzi (dagli 8 ai 13 anni) che vogliono partecipare alla passeggiata tra le opere del Museo insieme a Marco Dallari e per gli adulti che vogliono partecipare al seminario delle 17.30 è gratuito.
Per gli adulti che accompagneranno i ragazzi nella passeggiata il costo del biglietto d’ingresso sarà di € 8,00.

Per saperne di più del primo ospite

Marco Dallari, modenese, è impegnato da sempre nel settore dell’educazione. Dopo l’attività di pedagogista presso il coordinamento delle scuole dell’infanzia di Bologna e Carpi, è stato docente di Pedagogia e Didattica dell’Educazione Artistica all’Accademia di Belle Arti di Bologna, continuando ad animare laboratori didattici in musei e gallerie. Nel 1994 è arrivato a Messina come professore straordinario di Educazione Comparata all’Università, dando nuova vita al filone di ricerca sul rapporto tra i saperi e le identità personali. Dal 1997 è stato professore ordinario di Pedagogia generale all’Università di Trento e alla Scuola di Specializzazione per l’Istruzione Secondaria di Rovereto. È direttore della collana di libri d’arte per ragazzi Arte per crescere, di Art’è Ragazzi. Autore di moltissime pubblicazioni, recentemente ha firmato i volumi della collana FilosofArte, pubblicata dalla casa editrice Artebambini.

 

Per info potete scriverci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiamare il numero 090/2936373.

per essere sempre aggiornati
accedi all’area newletter e seleziona la lista di tuo interesse
oppure seguici sui social