Quand'è stata l'ultima volta che vi siete sentiti schiavi (di un lavoro estenuante, di una paga misera, di una camera da letto senza finestre, di una città claustrofobica)?

Sono tempi duri per i giovani che vogliono cercare il proprio posto nel mondo, persino nella moderna Europa del nord. Raccontatecelo e sceglieremo le tre storie più divertenti e rappresentative di questa nostra strana epoca.

Dopo aver partecipato all'evento più prestigioso del fumetto internazionale, il Lucca Comics & Games - concluso il 3 novembre scorso - Cartographic è pronta per portare in libreria il suo ultimo graphic novel: Nero vita. Una storia di moderna schiavitù, scritto e illustrato da Daria Bogdanska, fumettista talentuosa tradotta per la prima volta in italiano da Mesogea (qui tutte le info sul libro). 

In occasione di Lucca Comics abbiamo lanciato il contest Qual è la tua storia di moderna schiavitù, invitandovi a raccontarci le vostre personalissime disavventure lavorative, i momenti in cui vi siete sentiti semplice strumento nelle mani di un sistema più grande e complesso di voi, le circostanze in cui avete pensato che fosse arrivato il momento di reagire alle ingiustizie.In palio 3 copie di Nero vita e la spilletta celebrativa realizzata in occasione di Lucca Comics, che spediremo gratuitamente agli autori delle 3 storie più divertenti e originali. 

Del resto, anche Daria nel suo Nero vita racconta di una schiavitù fatta di pollo al curry e servizio ai tavoli, soldi che non bastano mai e lavori in nero, vertenze sindacali e discriminazioni razziali, anche nella civilissima Svezia. 

Per partecipare c'è tempo fino all'8 dicembre: potete inserire un commento al post di Facebook o mandare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Ne igiorni successivi annunceremo i 3 vincitori del contest, che riceveranno una copia del libro e una spilletta ciascuno. 

 «Meno diritti abbiamo e più entusiasmo ci serve per ottenerli»

Daria Bogdanska, La Vanguardia

***

Nero vita è una storia autentica che nel raccontare la lotta di Daria per il riconoscimento dei diritti dei lavoratori immigrati indaga l’effettiva ospitalità di una città moderna e privilegiata, con un insospettabile rovescio della medaglia.

Le tavole disegnate e scritte da Bogdanska sono piccoli microcosmi in bianco e nero - specchio della vita e delle emozioni della protagonista. - in cui personaggi, stanze, oggetti, strade affollano i quadri e contribuiscono a creare l’estetica punk di questa sua opera di esordio. Tra ricercate citazioni musicali ed esotici piatti bengalesi, il racconto fresco, giovane e genuino di una condizione drammatica e diffusa, ma anche quello dell’importanza dell’impegno personale e della necessità di lottare per il riconoscimento dei diritti.

 

 

 


per essere sempre aggiornati
accedi all’area newletter e seleziona la lista di tuo interesse
oppure seguici sui social