Minnena. L'Egitto, l'Europa e la ricerca dopo l'assassinio di Giulio Regeni è una raccolta di scritti coraggiosi, firmati da studiosi e ricercatori che - per citare Terrasanta.net - «a vario titolo e in varie riprese si sono mossi al di là del Mediterraneo». Internazionale definisce Minnena urgente, perchè «In un’epoca di divisioni in Europa, mostra al contrario quanto sia importante la collaborazione di due importanti associazioni per lo studio del Medio Oriente».

Per presentare ufficialmente Minnena, venerdì 31 gennaio Mesogea ha organizzato a Napoli insieme a L'Orientale e a SeSaMo, Società per gli Studi sul Medio Oriente, un incontro nel prestigioso Palazzo Corigliano, alla presenza di due dei curatori e di alcuni autori del volume. L'incontro si è trasformato in una riflessione collettiva sull'Egitto, sull'Italia, sull'attualità e sulla ricerca, ma soprattutto è stato un momento di compartecipazione rivolta a tutti coloro che in Egitto e fuori dall’Egitto hanno sofferto e continuano a soffrire la violenza del regime.

Lungi dal voler essere una semplice "raccolta" di citazioni, vogliamo raccontarvi com'è andata usando però le parole di quel giorno era lì con noi, a Palazzo Corigliano.

 

 "L’idea era quella di rispondere al martellamento mediatico sull’omicidio Regeni facendo semplicemente il nostro lavoro.
Abbiamo lavorato per produrre un libro che parlasse a tanti. È stato un lavoro politico oltre che culturale e questo è giusto affermarlo, in assoluta empatia e spirito di squadra con l’editore, sempre in dialogo e in continua collaborazione con noi.
Per quanto i contributi siano tutti differenti, c’è un collante nel libro, un fil rouge o se vogliamo un minimo comune denominatore, sia nella funzione che abbiamo voluto dare al libro stesso sia nella passione che abbiamo messo nei nostri studi. Pur tuttavia non possiamo negare che Minnena sia un libro che si muove su un terreno scivoloso, e proprio in un periodo in cui si avverte forte e chiara la stretta sulle libertà personali e pubbliche"

Lorenzo Casini e Daniela Melfa

*

"Viviamo in un momento storico particolare per i ricercatori, che hanno il ruolo di far comprendere alle istituzioni e ai cittadini quali siano le reali problematiche dei Paesi che studiano, quali difficoltà vivano e soprattutto quali possano essere le interconnessioni tra di loro e gli scenari futuri. Questo è realmente il loro compito. Un ruolo sociale fondamentale ma spesso sottovalutato, quando non assistiamo addirittura alla messa in atto di una vera e propria criminalizzazione della ricerca".

Daniela Pioppi

 *

"Questo è un libro che ha metodologie diversissime, anche se legato da intenti comuni; inoltre opera su piani di realtà che insistono sullo stesso luogo ma che contemporaneamente si aprono al mondo. Minnena ha la capacità di mettere insieme aspetti che si illuminano a vicenda e che pongono domande anche al lettore, spingendolo a interrogarsi".

Giorgio Forni

 

 

per saperne di più su Minnena VAI QUI


per essere sempre aggiornati
accedi all’area newletter e seleziona la lista di tuo interesse
oppure seguici sui social