filtri di ricerca
filtri di ricerca
><
Ouejdane Mejri, Afef Hagi

La rivolta dei dittatoriati

autore
Ouejdane Mejri, Afef Hagi
ISBN
9788846921178
Disponibilità
disponibile
Prezzo
€ 15,00
-15%
€ 12,75

La storia che Ouejdane e Afef raccontano in questo libro è quella di una duplice rivoluzione. La rivoluzione della libertà e della dignità esplosa in Tunisia alla fine del 2010, che ha rovesciato la dittatura di Ben Alì, e la rivoluzione vissuta nei corpi e nelle coscienze da tunisini «nati oppressi e cresciuti impauriti […] confinati nelle regole inamovibili della repressione», dittatoriati. È questa la parola che non c’è nei dizionari con cui le autrici danno nome alla condizione che hanno vissuto e condiviso per più di vent’anni con inter e generazioni di connazionali, in Tunisia e all’estero. Per cominciare a raccontarla, come per cominciare a ribellarsi nelle piazze, nelle strade o da lontano, dietro un computer, bisognava guardarsi dentro, trovare quella parola, sentirne il peso e avere il coraggio di pronunciarla. Per rimuoverla? No. Per continuare a lottare. Per non essere mai più dittatoriati.

autore

autore

Ouejdane Mejri (Tunisi, 1977) insegna Informatica al Politecnico di Milano e fa ricerca nell’ambito dell’uso delle tecnologie in contesti di crisi ed emergenze ambientali. Presidente di Pontes, l’Associazione dei tunisini in Italia, è blogger su Facebook (Wejdane Majeri) e scrive per varie testate tunisine e italiane sulle tematiche dell’immigrazione e delle rivoluzioni nel mondo arabo.

autore

Afef Hagi (Tunisi, 1979), laureata in psicologia a Parigi, svolge attualmente un dottorato di ricerca al Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia dell’Università di Firenze. Impegnata nel dibattito sulle politiche migratorie è esponente dell’Associazione dei tunisini in Italia Pontes.

dettagli

dettagli
collana Petrolio
anno 2013
pagine 144
formato cm 14x21
isbn 9788846921178

    

il libro

La storia che Ouejdane e Afef raccontano in questo libro è quella di una duplice rivoluzione. La rivoluzione della libertà e della dignità esplosa in Tunisia alla fine del 2010, che ha rovesciato la dittatura di Ben Alì, e la rivoluzione vissuta nei corpi e nelle coscienze da tunisini «nati oppressi e cresciuti impauriti […] confinati nelle regole inamovibili della repressione», dittatoriati. È questa la parola che non c’è nei dizionari con cui le autrici danno nome alla condizione che hanno vissuto e condiviso per più di vent’anni con inter e generazioni di connazionali, in Tunisia e all’estero. Per cominciare a raccontarla, come per cominciare a ribellarsi nelle piazze, nelle strade o da lontano, dietro un computer, bisognava guardarsi dentro, trovare quella parola, sentirne il peso e avere il coraggio di pronunciarla. Per rimuoverla? No. Per continuare a lottare. Per non essere mai più dittatoriati.

autore

autore

Ouejdane Mejri (Tunisi, 1977) insegna Informatica al Politecnico di Milano e fa ricerca nell’ambito dell’uso delle tecnologie in contesti di crisi ed emergenze ambientali. Presidente di Pontes, l’Associazione dei tunisini in Italia, è blogger su Facebook (Wejdane Majeri) e scrive per varie testate tunisine e italiane sulle tematiche dell’immigrazione e delle rivoluzioni nel mondo arabo.

autore

Afef Hagi (Tunisi, 1979), laureata in psicologia a Parigi, svolge attualmente un dottorato di ricerca al Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia dell’Università di Firenze. Impegnata nel dibattito sulle politiche migratorie è esponente dell’Associazione dei tunisini in Italia Pontes.

dettagli

dettagli
collana Petrolio
anno 2013
pagine 144
formato cm 14x21
isbn 9788846921178

rassegna stampa

    

Powered by Phoca Cart
per essere sempre aggiornati
accedi all’area newletter e seleziona la lista di tuo interesse
oppure seguici sui social