filtri di ricerca
filtri di ricerca
><
Moncef Ghacem

Il salto del cefalo

storie di pesci, barche e marinai di Mahdia
autore
Moncef Ghacem
curatore
Caterina Pastura
traduttore
Caterina Pastura
ISBN
9788846921147
Disponibilità
disponibile
prezzo
€ 15,00

Cinque racconti s’intrecciano in questo libro come altrettanti capitoli di quel romanzo della memoria marina che da anni Moncef Ghachem va componendo in versi e in prosa. Attorno alle coste, alle barche, alle strade, ai caffè di due città portuali tunisine – Mahdia, città natale dell’autore, e la vicina Salakta – s’intessono le storie di uomini e luoghi che vivono la metamorfosi del legame remoto col mare. Qui, dove a lungo si mescolarono la sapienza e le vite dei pescatori siciliani e tunisini, uomini, barche e pesci si scambiano slanci e destini, erranza e attesa. Ad essi dà ascolto e voce la prosa semplice e colta di Ghachem e i suoi racconti ci giungono con l’intensità misteriosa della memoria, con la vigorosa tenerezza del mare.

autore

autore

Moncef Ghachem (Mahdia 1946) poeta, uomo di mare, giornalista, è autore di poemi e racconti per cui è stato insignito del Premio Camus (1994) della menzione speciale del Premio internazionale Léopold Sédar Senghor (2006) e di altri riconoscimenti. Oltre a Il salto del cefalo, Mesogea ha pubblicato l’antologia plurilingue di suoi versi e prose con musiche dei Dounia, Dalle sponde del mare bianco (2003).

traduzione

traduzione

Caterina Pastura (1956) è redattrice editoriale, traduttrice dal francese e operatrice culturale specializzata in animazione e promozione del libro e della lettura.

Ha tradotto opere di Albert Camus, Jean Grenier, Mouloud Feraoun, Farouk Mardam Bey, Moncef Ghachem, Jean Daniel e altri.

Dal 2014 è tra i curatori della progettazione e organizzazione degli eventi culturali e formativi del festival internazionale Sabirfest, cultura e cittadinanza mediterranea (www.sabirfest.it).

dettagli

dettagli
collana la Piccola
anno 2013
pagine 144
formato cm 12x16,5
isbn 9788846921147

     

il libro

Cinque racconti s’intrecciano in questo libro come altrettanti capitoli di quel romanzo della memoria marina che da anni Moncef Ghachem va componendo in versi e in prosa. Attorno alle coste, alle barche, alle strade, ai caffè di due città portuali tunisine – Mahdia, città natale dell’autore, e la vicina Salakta – s’intessono le storie di uomini e luoghi che vivono la metamorfosi del legame remoto col mare. Qui, dove a lungo si mescolarono la sapienza e le vite dei pescatori siciliani e tunisini, uomini, barche e pesci si scambiano slanci e destini, erranza e attesa. Ad essi dà ascolto e voce la prosa semplice e colta di Ghachem e i suoi racconti ci giungono con l’intensità misteriosa della memoria, con la vigorosa tenerezza del mare.

autore

autore

Moncef Ghachem (Mahdia 1946) poeta, uomo di mare, giornalista, è autore di poemi e racconti per cui è stato insignito del Premio Camus (1994) della menzione speciale del Premio internazionale Léopold Sédar Senghor (2006) e di altri riconoscimenti. Oltre a Il salto del cefalo, Mesogea ha pubblicato l’antologia plurilingue di suoi versi e prose con musiche dei Dounia, Dalle sponde del mare bianco (2003).

traduzione

traduzione

Caterina Pastura (1956) è redattrice editoriale, traduttrice dal francese e operatrice culturale specializzata in animazione e promozione del libro e della lettura.

Ha tradotto opere di Albert Camus, Jean Grenier, Mouloud Feraoun, Farouk Mardam Bey, Moncef Ghachem, Jean Daniel e altri.

Dal 2014 è tra i curatori della progettazione e organizzazione degli eventi culturali e formativi del festival internazionale Sabirfest, cultura e cittadinanza mediterranea (www.sabirfest.it).

dettagli

dettagli
collana la Piccola
anno 2013
pagine 144
formato cm 12x16,5
isbn 9788846921147

rassegna stampa

     

Powered by Phoca Cart
per essere sempre aggiornati
accedi all’area newletter e seleziona la lista di tuo interesse
oppure seguici sui social