><
Edmond Jabès

Racconto /Récit

autore
Edmond Jabès
ISBN
978-88-469-21864
Disponibilità:
disponibile
Prezzo
€ 6,00
-15%
€ 5,10
autore
Edmond Jabès (Il Cairo 1912 – Parigi 1991) è uno dei più importanti poeti e intellettuali mediterranei del Novecento. Di famiglia ebrea sefardita, lascia l’Egitto, nel 1957, a seguito dell’espulsione della popolazione di origine ebraica, e si stabilisce a Parigi, dove instaura legami di amicizia con R. Char, P. Celan, E. Levinas, M. Blanchot, J. Derrida. È autore di numerosi scritti di carattere letterario e filosofico tradotti in molte lingue. Tra quelli pubblicati in Italia, ricordiamo: Dal deserto al libro (Elitropia 1983), Il libro dei margini (Sansoni 1986), Uno straniero con, sotto il braccio, un libro di piccolo formato (SE 1991), Il libro della condivisione (Raffaello Cortina 1992), Il libro delle interrogazioni (Bompiani 2015), Il libro del dialogo (Manni 2016), Il libro dell’ospitalità (Raffaello Cortina 2017).

il libro

Un giorno l'isola prese a viaggiare. Per l'amato

per se stessa, si fece viaggio.

Nell'infinito che li separa e, al contempo,

li unisce.

 

Pubblicato per la prima volta in Francia nel 1981 – e irreperibile da parecchi anni nelle due edizioni uscite in Italia per Elitropia (1983) e Mondadori (in  La  memoria  e la  mano,  1992) – torna oggi al lettore, in una nuova traduzione, Racconto /Récit, poema breve ma emblematico della peculiarità del pensiero e dello stile di Edmond Jabès. Ne sono protagonisti Il e il suo femminile  Ile/île, isola: un Lui votato all’erranza, all’assenza, e una Lei, isola ripiegata su se stessa, in una minerale solitudine di abbandono. Ma Il  e  Ile  sono ben più di questo, come scrive Caterina Resta nell’introduzione, sono «i due lati di un unico pensiero al centro del vuoto, i pronomi e i vettori della ferita  che lo attraversa». Quello che Jabès scrive e che noi leggiamo non è dunque il racconto «dell’insanabile dissidio che lacera la coppia degli amanti», piuttosto è un percorrere e ripercorrere quella  ferita, la lacerazione che è degli esseri ed è del pensiero.

«Se  è  vero  che  pensare  non  è  mai  altro  che raccontare il proprio pensiero, queste pagine potrebbero  essere  lette  come  un racconto». (E. Jabès)

autore
Edmond Jabès (Il Cairo 1912 – Parigi 1991) è uno dei più importanti poeti e intellettuali mediterranei del Novecento. Di famiglia ebrea sefardita, lascia l’Egitto, nel 1957, a seguito dell’espulsione della popolazione di origine ebraica, e si stabilisce a Parigi, dove instaura legami di amicizia con R. Char, P. Celan, E. Levinas, M. Blanchot, J. Derrida. È autore di numerosi scritti di carattere letterario e filosofico tradotti in molte lingue. Tra quelli pubblicati in Italia, ricordiamo: Dal deserto al libro (Elitropia 1983), Il libro dei margini (Sansoni 1986), Uno straniero con, sotto il braccio, un libro di piccolo formato (SE 1991), Il libro della condivisione (Raffaello Cortina 1992), Il libro delle interrogazioni (Bompiani 2015), Il libro del dialogo (Manni 2016), Il libro dell’ospitalità (Raffaello Cortina 2017).
Powered by Phoca Cart
per essere sempre aggiornati
accedi all’area newletter e seleziona la lista di tuo interesse
oppure seguici sui social