Ameen Rihani

Il libro di Khalid

illustrazioni di Kahlil Gibran
traduzione e cura di Francesco Medici
prefazione di Paolo Branca
postfazione di Khaled Fouad Allam

23,00  21,85 

3 disponibili

Aggiungi alla lista dei desideri
Aggiungi alla lista dei desideri

Descrizione

Nel centenario della pubblicazione a New York, la prima traduzione italiana del romanzo arabo-americano che ha preannunciato le rivolte arabe e ispirato Il Profeta di Khalil Jibran.

Il giovane libanese Khalid, originario di Baalbek, parte per gli Stati Uniti insieme al poeta Shakib, suo amico inseparabile, seguendo l’ondata migratoria dei tanti connazionali che, alla fine del XIX secolo, abbandonano la Grande Siria alla volta dell’America, per sfuggire alla repressione del regime ottomano e allo spettro della povertà. Stabilitisi a New York trovano lavoro come venditori ambulanti, ma presto l’inquieto protagonista scivola in una vita da bohémien e nella morsa della corruzione politica imperante nella metropoli americana. Amaramente deluso dal Nuovo Mondo, ritorna in patria, dove spera di sposare la donna che ama fin dall’infanzia, ma anche il suo Libano si rivela teatro di varie disavventure. Profeta perseguitato della «Primavera dell’Arabia», Khalid dovrà lottare, in nome dei suoi ideali di libertà e giustizia, contro le autorità ottomane, i Giovani Turchi e il fanatismo religioso.

Informazioni aggiuntive

formato

15.5×21

pagine

384

pubblicazione

2014

collana

Studi & Ricerche

l'autore

Ameen Rihani (1876-1940), poeta, romanziere, drammaturgo, saggista, giornalista, diplomatico libanese in contatto con i più importanti leader politici e religiosi della sua epoca, è – con oltre sessanta opere pubblicate – il padre della letteratura arabo-americana. Emigrato dodicenne negli Stati Uniti, infaticabile viaggiatore, è considerato uno dei principali promotori della rinascita culturale araba e un pioniere illuminato del dialogo tra Oriente e Occidente.

il traduttore

Francesco Medici (Bari, 1974), italianista e studioso della letteratura araba d’emigrazione, è membro ufficiale dell’International association for the study of the life and work of Kahlil Gibran (University of Maryland). Del poeta e pittore libanese ha pubblicato, per le Edizioni San Paolo, le traduzioni dei drammi Lazzaro e il suo amore (2001) e Il cieco (2003), dei frammenti inediti La stanza del Profeta (2004) e del celeberrimo Il Profeta (2005, 2006, 2010). Curatore della raccolta di acquerelli gibraniani Venti disegni (Edizioni Giuseppe laterza, 2006) e dell’antologia Poeti arabi a New York (Palomar, 2009), è anche autore di numerosi articoli di taglio scientifico comparsi su diversi periodici e riviste di arabistica, orientalistica, italianistica, teologia, storia dell’arte. Con la monografia Luzi oltre Leopardi (2007) ha inaugurato la collana officina per la Stilo Editrice. Dal 2009 al 2012 ha curato la rubrica L’islam e noi per il quotidiano/mensile Paneacqua («aprile»). È attualmente tra i collaboratori del Centro Studi e ricerche di orientalistica (Bari). I suoi ultimi volumi pubblicati sono l’antologia  Il profeta e il bambino (Editrice la Scuola, 2013) di Khalil Gibran e una riduzione della leggenda tibetana La storia del principe Norsang («A oriente!» – La babele del levante, 2013).

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il libro di Khalid”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Isbn 9788846921338 Categoria Autore

Ti potrebbe interessare…