Giorgio D’Amato

L'estate che sparavano

15,00  12,75 

3 disponibili

Aggiungi alla lista dei desideri
Aggiungi alla lista dei desideri

Descrizione

Il 3 agosto 1982 a Casteldaccia viene ucciso il cognato del boss Filippo Marchese, uno dei più sanguinari uomini di Cosa Nostra. Nell’arco di 8 giorni moriranno 15 persone.
A ricostruire i delitti e dare un profilo chiaro dei killer e delle vittime è un narratore insolito, un ragazzino di sedici anni, che mischia al lucido racconto degli eventi storici le esperienze di vita quotidiana, la cultura cinematografica e quella letteraria, ma soprattutto lo stretto legame che lo lega al suo amico Antonio.
Con un registro preciso ma semplice, l’autore racconta una giovane generazione che vive anni di modernizzazione consumistica, in cui però non tutti sono estranei alle sollecitazioni culturali e ai sogni ribelli dei due decenni precedenti, nonostante il pressante contesto ad alta concentrazione mafiosa.

 

Ucci ucci sento odor di mafiosucci

E il corteo si infilava di tenia tra i mille intestini del paese di omertà e di muri a vivo e non c’era via che non echeggiasse del coro dei ragazzi in protesta − ognuno di loro si sentiva felice di fare qualcosa, di dire la propria contro anni e anni di baciamano, onore, rispetto, faide e morti ammazzati.

Informazioni aggiuntive

formato

14×21

pagine

152

pubblicazione

2012

collana

Petrolio 5

l'Autore

Giorgio D’Amato è nato a Palermo, dove vive e lavora. Insegnante di Economia aziendale tiene corsi di scrittura creativa ed è tra gli animatori del blog letterario e della casa editrice AperturaAStrappo. È autore di diversi racconti pubblicati in varie case editrici. Per Mesogea ha pubblicato L’estate che sparavano (2012) e Cernia tossica (2016).

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “L’estate che sparavano”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Isbn 9788846921161 Categoria Autore

Ti potrebbe interessare…