Giuseppe Fava   

Pagine

19,00  18,05 

3 disponibili

Aggiungi alla lista dei desideri
Aggiungi alla lista dei desideri

Descrizione

Pubblicato per la prima volta nel 1969 in un’edizione di diffusione ristretta, questo libro torna oggi al lettore come un nuovo esordio e testimonia nel modo più completo il talento narrativo di Giuseppe Fava.
La forma del racconto breve e quella del diario vi si alternano passandosi il bandolo e il mistero delle «costanti umane» che ne attraversano temi, luoghi e personaggi: l’amore, la paura e, più di tutto, il grottesco.
Echi della remota oralità dei cunti s’intrecciano, in queste Pagine, all’asciutto realismo con cui la lingua colta e scabra di Fava racconta storie e creature di ordinaria bizzarria, ragioni e sentimenti di un universo gotico-solare.

 

Ma già mentre si girava, avvertì dentro di sé un grande languore, uno sfinimento, e nel buio che gli cadeva addosso si vide dinnanzi quella vecchietta che lo guardava curiosa, con un lungo coltello insanguinato fra le mani.

Informazioni aggiuntive

formato

12×16.5

pagine

336

pubblicazione

2011

collana

La piccola 61

l'autore

Giuseppe Fava nasce a Palazzolo Acreide (Siracusa) il 15 settembre del 1925. Laureatosi in Giurispru­denza, intraprende a Catania la professione di giornalista. Alla fine degli anni Cinquanta è caporedattore al quotidiano Espresso sera, nello stesso periodo realizza le numerose inchieste giornalistiche poi raccolte nei volumi Processo alla Sicilia (1970) e I Siciliani (1980) e matura la propria vocazione artistica e letteraria. Nel 1966, vince il Premio Vallecorsi con Cronaca di un Uomo, e nel 1970 il Premio IDI con La Violenza, da cui Florestano Vancini trasse il film Violenza Quinto Potere (1974). Tra il 1969 e il 1980, oltre alle opere teatrali e a Pagine (poi Mesogea 2011), pubblica Gente di rispetto (1975; Bompiani 1986) – da cui il film omonimo di Luigi Zampa –, Prima che vi uccidano (1976; Bompiani 2009) e Passione di Michele (1980; Mesogea 2009) – da cui il film di Werner Schroeter, Palermo oder Wolfsburg. Nel 1982, dopo aver diretto il Giornale del Sud ed esserne stato licenziato, darà vita alla nuova testata I Siciliani, che dirigerà fino al giorno in cui verrà assassinato dalla mafia la sera del 5 gennaio 1984. Nel 2003 esce, a cura della Fondazione Giuseppe Fava, la prima edizione del volume postumo Un anno ripubblicato da Mesogea nel 2010.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Pagine”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Isbn 9788846920898 Categoria Autore

Ti potrebbe interessare…