Domenico Brancale

Scannaciucce

postfazione di Christian Sinicco

con testo italiano a fronte

14,00  13,30 

Aggiungi alla lista dei desideri
Aggiungi alla lista dei desideri

Descrizione

«Un filo di luce trapela di sotto la porta»: così aveva scritto Guido Ceronetti ricevendo le prime poesie di Domenico Brancale. Quel filo sottilissimo e continuo s’intreccia ora in Scannaciucce (Agavi), la raccolta completa di tutte le sue poesie scritte in lucano. Sono parole mburchiàte nd’ ’a terre, conficcate nella terra, discese nel paesaggio, in una lingua che si è intrufolata – quasi al modo dei Sassi di Matera o dei tumuli di terra e dei fili d’erba della Basilicata – fin dentro la pietra o in un uomo come fosse un’abitazione. È una lingua fatta di cielo e di terra, di silenzi e di luce, in un incessante rincorrersi di simboli. Dalla vita di un tempo e dalle profondità del linguaggio si fa risalire nuovamente la parola, si attinge con mani d’infinito l’acqua della poesia, che le pozze dei sentimenti di Domenico Brancale trattengono in una stretta fraterna.

 

Guna ndutte mmienz’a ssi parole
mburchiàte nd’ ’a terre
téne o segne d’u scannaciucce
mbàreche add’ ’a i’èsse picché
tén’ ’a monde di jaccà o pinziere
mbizz’a lenghe

Informazioni aggiuntive

formato

12×16.5

pagine

192

pubblicazione

2019

collana

La piccola 98

l'Autore

Domenico Brancale è nato nel 1976 a Sant’Arcangelo in Basilicata. Tra i suoi libri ricordiamo: Cani e porci (2001), L’ossario del sole (2007), Controre (2013), incerti umani (2013) e Per diverse ragioni (2017). Ha curato il libro Cristina Campo. In immagini e parole (2002) e tradotto Cioran, John Giorno, Michaux, Claude Royet-Journoud. Nel 2017 è apparsa la sua prima fiaba Le due bambine. Vive tra Bologna e Venezia.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Scannaciucce”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Isbn 9788846921796 Categoria Autore

Ti potrebbe interessare…