Giovanni Raffaele   

«L’immoralità acquisita»

Pubblica quiete e affari nella Sicilia dei consoli inglesi d’Ottocento

24,00  20,40 

3 disponibili

Aggiungi alla lista dei desideri
Aggiungi alla lista dei desideri

Descrizione

Le forme di ribellione e di delinquenza in Sicilia dagli ultimi decenni del regime borbonico ai primi decenni unitari oscillano tra l’etichetta di cieca rivolta popolare a quella di reazione arcaica. Dai rapporti consolari emerge però un’analisi più articolata e spesso inedita del brigantaggio e della criminalità. All’interno di una ricostruzione storiografica accurata, l’autore lascia parlare direttamente i consoli e i viaggiatori stranieri, i cui racconti si snodano con vivacità quasi romanzesca, senza nulla perdere del loro valore di fonte storiografica.

Informazioni aggiuntive

formato

15.5×21

pagine

320

pubblicazione

2012

collana

Studi e ricerche 9

l'autore

Giovanni Raffaele insegna Storia moderna presso la facoltà di Lettere e Filosofia di Messina. Si è occupato dei processi di nazionalizzazione, della storia della criminalità organizzata e delle strutture psichiatriche d’Ottocento. Tra i suoi libri, L’ambigua tessitura. Mafia e fascismo nella Sicilia degli anni Venti, Angeli; “Formare di tutti un gran tutto”: la nazionalizzazione delle plebi meridionali tra Borboni e Stato unitario, Selene.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “«L’immoralità acquisita»”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Isbn 9788846921130 Categoria Autore

Ti potrebbe interessare…