Maria Teresa Giaveri, Federica Frediani, Anna Omodei Zorini, Vincenzo Salerno, Massimo Scotti (a cura di)

Lo sguardo azzurro

Costanti e varianti dell’immaginario mediterraneo

a cura di Maria Teresa Giaveri, Federica Frediani, Anna Omodei Zorini, Vincenzo Salerno, Massimo Scotti

23,00  19,55 

3 disponibili

Aggiungi alla lista dei desideri
Aggiungi alla lista dei desideri

Descrizione

Tempo, spazio, storia, mito: tutto questo è contenuto nell’ambigua profondità della parola Mediterraneo. Qui sono nati i concetti con cui ragioniamo, generati dalla lucentezza di una superficie di acque mirabili, dalla chiarezza del sole che traccia profili netti e ombre definite. Per cogliere la complessità dell’idea mediterranea è necessaria una polifonia di approcci critici, dall’antropologia alla filologia, dall’analisi letteraria all’indagine imagologica, dalla storia della scienza alla riflessione politica e strategica.
«Intorno al vasto quesito del concetto di Mediterraneo,» scrive Maria Teresa Giaveri, «studiosi di diverse formazioni e competenze si sono confrontati, proponendo percorsi d’analisi differenti ma dai risultati singolarmente omogenei».

Informazioni aggiuntive

formato

15.5×21

pagine

288

pubblicazione

2008

collana

Studi e ricerche 1

gli autori

Jean Bessière, Laure Borgomano Loup, Anna Cerbo, Vincenzo Cocco, Carlo Donà, Erica Durante, Ahmed Etman, Federica Frediani, Maria Teresa Giaveri, Eleonora Hotineanu, Kata Kulavkova, Annarita Lamberti, Nullo Minissi, Marino Niola, Andrea Pasquino, Vincenzo Salerno, Massimo Scotti.

i curatori

Maria Teresa Giaveri, già professore ordinario di Lingua e Letteratura francese, ha optato per la cattedra di Letterature comparate che ora ricopre all’Università di Napoli L’Orientale. Ha insegnato presso università italiane e straniere: a Parigi, dove è stata docente alla Sorbonne, ha svolto per quattro anni attività di ricerca presso l’Institut des Textes et des Manuscrits (CNRS). Specialista di Paul Valéry, di cui ha pubblicato testi inediti e del cui Centro di studi è direttore, ha pubblicato saggi sulla letteratura otto-novecentesca e sui rapporti fra la letteratura e le altre arti. Vicepresidente del Centro Edizioni e Studio Testi, si è occupata di questioni di genesi testuale.

Federica Frediani è dottore di ricerca in Letteratura comparata presso l’Università di Siena. I suoi interessi riguardano la letteratura di viaggio e il viaggio delle donne, con particolare attenzione per le rappresentazioni e le immagini delle letterature mediterranee. È assistente di ricerca presso l’Istituto studi mediterranei dell’Università della Svizzera italiana. Svolge inoltre attività di ricerca presso il dipartimento di Lingue, Letterature e Culture comparate dell’Università di Bergamo. Ha pubblicato nel 2007 Uscire. La scrittura di viaggio al femminile: dai paradigmi mitici alle immagini orientaliste (Diabasis).

Vincenzo Salerno, dottore di ricerca in Letterature comparate presso l’Università L’Orientale di Napoli, è ricercatore in Letterature comparate e Teoria e storia della traduzione letteraria all’Università di Cassino. Collabora con la rivista Testo a fronte, e si interessa particolarmente di questioni di storia della critica letteraria e di traduttologia. È autore di: La Commedia di Dante in Inghilterra (Ragusa 1998); In lontananza una leggera foschia avvolgeva Napoli, antologia di Samuel Rogers – poemi e diari (Bologna 2005); The Disease of Translation. John Dryden traduttore (Napoli 2006).

Massimo Scotti, dottore di ricerca in Letterature comparate presso l’Università di Napoli L’Orientale e la Sorbonne Nouvelle di Parigi, svolge attività di ricerca presso il SUM di Firenze. I suoi studi vertono principalmente sui temi della cultura mediterranea, sulla letteratura odeporica europea e sulle poetiche novecentesche (in particolare, Paul Valéry). Ha pubblicato testi di narrativa, traduzioni, articoli, e le monografie: Ces vipères de lueurs: il mito ofidico nell’immaginario valériano (Roma 1996); Sul mare degli Dei: mitografi a dell’isola di Capri (Napoli 2002); Gotico mediterraneo (Reggio Emilia 2007); nel 2006 ha ottenuto il Premio Natalino Sapegno.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Lo sguardo azzurro”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…