Jean Daniel   

Resistere all’«aria del tempo»

(Con Camus)

prefazione di Claudio Magris
traduzione di Caterina Pastura

15,20 

Aggiungi alla lista dei desideri
Aggiungi alla lista dei desideri

Descrizione

Jean Daniel, uno dei decani del giornalismo europeo, a fronte delle troppe angustie che soffocano l’informazione, la politica, la cultura del nostro tempo, propone in questo libro una rigorosa e necessaria riflessione sui «presupposti filosofici» del proprio mestiere e sulla responsabilità degli intellettuali. A partire dalla personale «rievocazione esistenziale» dell’esperienza condivisa con Albert Camus nelle redazioni di quotidiani e riviste, rilegge l’intera opera dell’autore de L’uomo in rivolta alla luce delle inquietudini contemporanee. Dalla trama delle memorie di luoghi, personaggi ed eventi storici di cui è stato testimone e cronista emerge il profilo meno noto, ma non certo meno importante, di Camus giornalista impegnato in prima persona nella pratica dell’«informazione critica». È infatti nella tensione morale e nell’iter dostoevskiano dell’amico scrittore che Jean Daniel individua le ragioni dell’attualità dell’opera di Camus e quell’autentica lezione di etica oggi più che mai indispensabile per sfuggire all’insidia totalitaria e all’ideologia dominante. Per resistere – con Camus – all’aria del tempo.

 

« …tutto ciò che di fatto degrada la cultura accorcia le strade che portano alla servitù. Una società che tollera di essere distratta da una stampa senza onore e da un pugno di cinici saltimbanchi, fregiati del nome di artisti, corre verso la schiavitù malgrado le proteste degli stessi individui che contribuiscono al suo degrado. »

Albert Camus

Informazioni aggiuntive

formato

12×16.5

pagine

184

pubblicazione

2009

collana

La piccola 57

l'autore

Jean Daniel (Jean Daniel Bensaïd) nasce a Blida, in Algeria il 21 luglio 1920. Qui s’avvia agli studi di filosofia e matura il suo talento di scrittore e giornalista negli ambienti di quegli intellettuali e militanti di sinistra profondamente segnati dalle rivelazioni di Ritorno dall’Urss di André Gide e dalle vicende del Fronte popolare. Nel 1947 fonda, con Daniel Bernstein, la rivista Caliban di cui sarà anche direttore, che gli darà l’opportunità di approfondire l’esperienza umana e professionale a fianco di Albert Camus avviata con la collaborazione al giornale Combat (1944-1947). Nel 1954 comincia a scrivere su L’Express dove si occupa della cronaca dei fatti d’Algeria. Nel 1964 fonda il settimanale Le Nouvel Observateur, che dirige fino al giugno 2008. È autore di numerosi saggi, in gran parte pubblicati anche in italiano, nonché di prose autobiografiche e narrative, di cui quella d’esordio, L’errore, fu pubblicata nel 1952 da Albert Camus nelle edizioni Gallimard. Muore a Parigi il 19 febbraio 2020.

la traduttrice

Caterina Pastura (1956) è redattrice editoriale, traduttrice dal francese e operatrice culturale specializzata in animazione e promozione del libro e della lettura. Per Mesogea ha tradotto opere di Jean Grenier, Mouloud Feraoun, Moncef Ghachem, Rabah Belamri, Jean Daniel ed Edmond Jabès; per Bompiani, I demoni di Albert Camus e, dello stesso autore, i testi inediti compresi in Estate e altri saggi solari.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Resistere all’«aria del tempo»”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Isbn 9788846920812 Categoria Tag ,

Ti potrebbe interessare…