Biagio Guerrera   

Cori niuru spacca cielu

prefazione di Maria Attanasio
traduzione e versione italiana di Elsa Arcidiacono

con testo italiano a fronte

10,32 

3 disponibili

Aggiungi alla lista dei desideri
Aggiungi alla lista dei desideri

Descrizione

PREMIO CITTÀ DI MARINEO 2009

Cori niuru spacca cielu raccoglie un lavoro di scrittura poetica e vocale, spesso pensato per la scena, sedimentato nell’arco di più di quindici anni. Il siciliano di Guerrera, lontano da qualunque tentazione nostalgica o filologica, è una trama sonora attraverso la quale sperimentare un percorso conoscitivo individuale e collettivo, una narrazione che vede all’opera tanti piccoli personaggi minori: donne, vecchi, bambini, animali, carusi di quartiere, recuperati per un attimo dalla macina incessante della vita. Lo sguardo del poeta a tratti si concentra nella ricerca di un dettaglio, di un punto di scarto, a tratti si allarga sul paesaggio quasi alla ricerca di una fusione panica e sensuale con la vita urbana, con le sue voci sommesse o urlate. Catania è sullo sfondo – tra amore e morte, sogno e memoria – nera di pietra viva.

 

Ascuta:
sutta a città currunu acqui
sutta a città c’è n’autra città
autri strati, autri casi
e milli uci ‘mputtusati

Chiovi
je l’acqui currunu ru munti
u mari
Sutta, a città si fi ci cava:
tamburu r’acqui
cori sunanti

U funtaneri canusci i strati
ma c’u canusci u funtaneri?

Informazioni aggiuntive

formato

12×16.5

pagine

152

pubblicazione

2009

collana

La piccola 51

l'autore

Biagio Guerrera (Catania, 1965) ha studiato canto con Michiko Hirayama. È tra i fondatori del collettivo artistico Famiglia Sfuggita, con cui nel 1992 presenta, a Santarcangelo dei Teatri, Idda (Il Girasole, 1997). Nel 2003 partecipa alla realizzazione di Dalle sponde del mare bianco (Mesogea, 2003), insieme ai Dounia e al poeta tunisino Moncef Ghachem. Nel 2009 pubblica la sua seconda raccolta poetica, Cori niuru spacca cielu (Mesogea), seguono Quelli che bruciano la frontiera (Folkstudio ethnosuoni, 2011) insieme a Moncef Ghachem e alla Pocket Poetry Orchestra, Amàri (Mesogea, 2014) e casa munnu (Mesogea, 2021). Il suo interesse per la lingua siciliana lo ha portato a collaborare con il drammaturgo Carmelo Vassallo e a firmare alcune regie tratte da opere proprie o di altri autori (tra cui: Idda, L’incittà, ’U spavintapàssari, Le vecchie e il mare). Svolge un’intensa attività di curatore e operatore culturale in diverse associazioni (Associazione Musicale Etnea, Festival Internazionale di poesia Voci del Mondo, Leggerete, Sabir).

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Cori niuru spacca cielu”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Isbn 9788846920690 Categoria Autore

Ti potrebbe interessare…